Bisogno di assistenza
 

Logistica avanzata Ad Hoc Enterprise

 

 

Causali documento
Scopo del modulo è gestire l’esecuzione del processo documentale che va dall’inserimento della conferma d’ordine a cliente alla spedizione della merce (D.D.T./Fattura accompagnatoria) mediante una sua scomposizione in fasi, obbligatorie o opzionali, volte a identificare ed ordinare gli ordini evadibili, identificare il dettaglio delle merci da prelevare, preparare le merci per la spedizione nel rispetto delle regole operative decise dall’azienda.

logistica avanzata aregole
 

Piano di spedizione
La funzione commerciale determina gli ordini da spedire tramite una funzionalità apposita detta “Piano di spedizione”. Questa funzionalità consente all’azienda di dare una priorità agli ordini da evadere e di effettuare una verifica di disponibilità della merce a magazzino basata o sulla giacenza fisica - escludendo da questa la quantità riservata -, oppure sulla disponibilità nel tempo per effettuare verifiche dilazionate nel tempo..
Esistono quindi delle regole di pianificazione (priorità ed opzioni atte a definire le righe ordini da inserire in un piano di spedizione) che possono essere commerciali (priorità B.U., Agente, Zona, Data prevista evasione, data inserimento ordine; opzioni su controllo fido, controllo scorta, …) e logistiche (priorità Magazzino,Vettore, …).
Ogni simulazione prende in esame tutti i documenti di tipo ordine non evasi e non associati ad un piano di spedizione confermato.
Periodicamente, tuttavia, la funzione commerciale deve operare delle conferme di piani di spedizione che verifichino la giacenza a magazzino.
La conferma di un piano di spedizione comporta la generazione di un documento che appronti la merce a magazzino, oppure, nelle realtà più semplici, la generazione di un documento di scarico del magazzino (DDT).

 
logistica avanzata spedizione

Picking List
La conferma di un piano di spedizione mediante documenti di approntamento, indica alla procedura la giacenza fisica della merce da reperire a magazzino. Nelle realtà che utilizzano per la spedizione delle aree di picking apposite, è necessaria una funzione che indichi al magazziniere che trasferisce la merce dove reperirla e dove trasferirla.
Quindi un picking deve indicare al magazziniere dove reperire la merce a magazzino, consentire al magazziniere di dichiarare la merce prelevata a fronte della quantità richiesta, consentire al magazziniere di gestire e rifornire una o più aree di picking. E’ possibile dichiarare una quantità minima e multipla di prelievo per gli articoli.
La conferma della Picking List avviene con la dichiarazione da parte del magazziniere della quantità prelevata a fronte della quantità richiesta. La conferma di una Picking List inibisce la modifica dei documenti di approntato di origine. Fino alla conferma della fase di picking, se gestita, gli ordini clienti rimangono non evasi: al termine del picking per cui occorre generare dei documenti (riservato o ddt) per evadere tali ordini.A tale operatività provvede il “Generatore Documentale” che, in questa fase, opera a partire da un PDS a stato “Suggerito” o “Approntato”.

logistica avanzata regole

Packing List
Una volta rifornita l’area di picking, si potrà procedere alla spedizione della merce.
Una lista di packing contiene i colli per l’imballo, gli articoli inseriti nel collo e il loro eventuale riferimento ad un ordine di vendita. Sono previsti tre livelli di imballo, di cui uno obbligatorio:
- Confezione
- Collo
- Unità logistica
La procedura consente di inserire le informazioni sull’imballo nei documenti, ma consente anche di ottenere un suggerimento. A questo scopo sono previste le categorie di confezione, di collo e di unità logistica ed un legame di composizione delle stesse; possiamo cioè sapere quanti articoli stanno in una confezione e quante confezioni in un collo.
La procedura consente di ottimizzare la spedizione nel caso di colli monoarticolo.
E’ prevista una funzionalità dove, documento per documento, l’utente può indicare la lista di packing, oppure farsela suggerire dalla procedura e poi modificarla.
Viene mantenuto un identificativo per ogni confezione e collo; si tratta di un progressivo all’interno della stessa picking.
L’utente deve specificare la composizione di ogni collo e le informazioni vengono riportate sul documento.

Google+ Gruppo Edc è cashback Point Lyoness