Bisogno di assistenza
 

Conto lavoro

 

Il modulo Conto Lavoro (gestione logistica esterna del Conto Lavoro Passivo) di ad hoc Revolution comprende l’inoltro degli ordini ai fornitori terzisti, l’emissione dei documenti di trasporto per i materiali (tenendo conto dei materiali forniti direttamente dai terzisti e della giacenza nel magazzino del terzista) ed infine il caricamento dei documenti di trasporto di acquisto (con l’effetto di scaricare il magazzino del terzista).

La problematica relativa alle lavorazioni effettuate per conto terzi, definito Conto Lavoro Passivo, è quello che presenta la maggiore complessità di gestione.

Pianificazione del Conto Lavoro Passivo

Sulla base degli ordini da clienti devono essere decisi gli ordini di conto lavoro da inviare ai terzisti, comprensivi dell’elenco materiali da inviare agli stessi (esplodendo le distinte base). Gli Ordini di Conto Lavoro (O.C.L.) rappresentano l’elenco delle lavorazioni affidate a produttori terzisti relative al prodotto finito ed a tutti i semilavorati di livello inferiore (sotto-distinte base) con provenienza Conto Lavoro, con l’indicazione dei materiali componenti.

Gli ordini di conto lavoro possono assumere diversi stati di avanzamento che ne identificano la fase evolutiva, dal momento di genesi (attraverso la Generazione automatica dei Fabbisogni oppure mediante un’imputazione manuale) fino al termine delle lavorazioni (OCL Suggeriti, OCL Pianificati, OCL Ordinati, OCL Finiti).

Logistica del Conto Lavoro Passivo

La gestione della logistica interna è caratterizzata dall’inoltro degli ordini ai fornitori, dall’emissione dei documenti di trasporto per i materiali (tenendo conto dei materiali forniti direttamente dai terzisti e della giacenza nel magazzino del terzista) e dal caricamento dei documenti di trasporto di acquisto (con l’effetto di scaricare il magazzino del terzista). La gestione dei processi produttivi esterni richiede lo spostamento di materiali e semilavorati tra vari depositi interni ed esterni all’azienda, rappresentanti vere e proprie aree fisiche oppure luoghi logici (che accomunano articoli con medesime caratteristiche):

- Magazzino di Prelievo: Subito dopo l’ordine di un OCL è necessario trasferire i materiali richiesti dalle lavorazioni presso i luoghi di produzione: il Magazzino di Prelievo costituisce il magazzino dal quale vengono prelevati i materiali ed i semilavorati per il loro trasferimento verso i produttori terzisti. A tale scopo viene normalmente utilizzato il magazzino preferenziale dell’articolo (definito nella relativa anagrafica), dove viene stabilmente depositato all’interno dello stabilimento.

- Magazzino del Terzista: rappresenta il magazzino WIP per gli Ordini di Conto Lavoro, ovvero il deposito logico nel quale vengono trasferiti i materiali utilizzati nei prodotti finiti/semilavorati oggetto delle lavorazioni assegnate all’esterno. A tale proposito deve essere definito un magazzino per ciascun produttore terzista (all’interno della relativa anagrafica), in modo da identificare la disponibilità dei materiali inviati ad ognuno di essi. L’invio di materiali verso un magazzino Terzista può essere eseguito direttamente da parte di un altro produttore terzista, al quale è stata assegnata la lavorazione di un semilavorato di livello inferiore all’interno della distinta base del prodotto finito. In questo caso si parla di Catena di Terzisti.

- Magazzino di Produzione: rappresenta il luogo fisico o logico nel quale i prodotti finiti o semilavorati vengono depositati al termine delle relative fasi di lavorazione. A tale scopo viene normalmente utilizzato il magazzino preferenziale dell’articolo, definito nella relativa anagrafica (per gli Ordini di Conto Lavoro relativi ad una Catena di Terzisti, il magazzino di produzione sarà costituito dal magazzino di un altro produttore terzista).

 

Google+ Gruppo Edc è cashback Point Lyoness